NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Intro EN 1092.1

ESTRATTO DALLE NORME EN 1092.1 PER FLANGE PER TUBAZIONI

Scopo e campo di applicazione

La presente norma europea specifica i requisiti riguardanti le flange circolari di acciaio con designazioni PN da PN 2,5 a PN 100 e dimensioni nominali da DN 10 a DN 4000. La presente norma specifica i tipi di flange e le loro superfici di tenuta, le dimensioni, le tolleranze, le filettature, le dimensioni dei bulloni, la finitura delle superfici di tenuta delle giunzioni, la marcatura nonché le masse approssimative delle flange.



DESIGNAZIONE DI RIFERIMENTO

Le flange ed i componenti accessori conformi alla presente norma decono essere designati nel modo seguente:

  1. designazione, per esempio: flangi da saldare o a colletto;
  2. numero della presente norma, EN 1092-1;
  3. numero di tipo della flangia;
  4. tipo di superficie di tenuta della flangia;
  5. Dn (dimensione nominale);
  6. designazione PN (pressione nominale);
  7. spessore del collare S (solo per i tipi 11 e 34);
  8. per le flange di tipo 13, il tipo di filettatura cilindrica o conica;
  9. ndiametro del foro (per dimensioni maggiori della DN 600);
  10. il simbolo, oppure la qualità del materiale;
  11. eventuali trattamenti termici richiesti;
  12. certificato del materiale, se richiesto.



DIMENSIONI

Flange

Le dimensioni delle flange devono rispondere a quelle indicate nei prospetti da pag. 47 a pag. 94 in base alla designazione PN. Lo spessore del collare S è un valore minimo, scelto in funzione degli spessori del tubo forniti nella ISO 4200.
Se richiesto dal cliente si possono fornire collari di spessore diverso da quelli indicati nei rispettivi prospetti.

 

Flange filettate

La filettatura delle flange di tipo 13 devono essere parallele (simbolo R p) o coniche (simbolo R c). Se non diversamente richiesto dal cliente, si devono fornire filettature parallele.



TIPI DI FLANGE



Legenda
Tipo 01 Flangia piana da saldare  Tipo 12 Flangia a manicotto da saldare
Tipo 02 Flangia a piastra mobile con colletto a saldare  Tipo 13 Flangia filettate a collare
Tipo 04 Flangia a piastra mobile con colletto a saldare  Tipo 21 Flangia a collare lungo LWN
Tipo 05 Flangia cieca  Tipo 32 Flangia libera con anello d'app. a saldare a sovrap.
Tipo 11 Flangia a collarino a saldare di testa  Tipo 33 Estremità lappata del tubo
Tipo 05 Flangia a collarino a saldare di testa  Tipo 34 Flangia libera con anello d'app. a saldare di testa




PREPARAZIONE DELL’ESTREMITÀ PER LA SALDATURA DI TESTA

Se non diversamente specificato, per le flange conformi alla norma europea si devono utilizzare i collegamenti di estremità a saldare indicati nelle figure da A.1 ad A.3.
Ulteriori tipi di estremità a saldare, utilizzabili a seguito di accordo tra il cliente ed il fabbricante della flangia, sono specificati nella EN 9692.2 e ne sono forniti esempi progettuali nella EN 1708-1.



Collegamento di estremità a saldare per
spessori di parete S da 3 mm a 22 mm.
Collegamento di estremità a saldare per
spessori di parete S >≥ 22 mm.


Collegamento di estremità a saldare per
spessori di parete di difforme spessore


Nota1   Per le flange richieste per collegare tubi di acciaio con spessore nominale di parete minore di 4,8 mm,
le estremità a saldare dovrebbero essere finite con un leggero smusso o essere squadrate, a discrezione del cliente.
Nota2   Per le flange richieste per collegare tubi di acciaio con spessore nominale di parete pari o minore di 3,2 mm,
le estremità a saldare dovrebbero essere finite con un leggero smusso.
Nota3   Lo spessore di parete della flangia che collega il tubo non dovrebbe essere minore dello spessore del tubo
né essere più spesso di oltre 3 mm.